© 2010 Corporea energy C.F. 91291770377

via delle fonti 84/a  40128  Bologna Fax +39 (051) 50.51.51

Informazioni e prenotazioni: Segreteria corsi: +39 (051) 38.88.10 E-mail: info@corporea.it

Si può sfuggire all'arbitrio del giudice solo rifugiandosi sotto il dispotismo della legge.

Honoré de Balzac

 
Come diventare massaggiatore professionista è probabilmente la prima domanda che si pone chi inizia il suo percorso di avvicinamento a questa meravigliosa professione. 

In questa pagina abbiamo cercato di fare un po’ di chiarezza, muovendoci tra codice civile, sentenze e leggi in vigore. 

L’Italia si è finalmente allineata (in parte) al resto dell’Europa ed ha promulgato una legge (la famosa 4 2013) che una volta per tutte permette, a chi ha una formazione adeguata, di aprire e condurre il proprio centro in maniera serena.

Ricordate tuttavia che anche in assenza di una legislazione più precisa le uniche armi utili all’affermazione in ambito professionale sono la cultura che va acquisita e mantenuta sempre ardente.

Ecco cosa ci muove nel continuare a proporre con gioia e passione corsi di massaggio sempre aggiornati.

Come diventare massaggiatore professionista è probabilmente la prima domanda che si pone chi inizia il suo percorso di avvicinamento a questa meravigliosa professione.


In questa pagina abbiamo cercato di fare un po’ di chiarezza, muovendoci tra codice civile, sentenze e leggi in vigore.


L’Italia si è finalmente allineata (in parte) al resto dell’Europa ed ha promulgato una legge (la famosa 4 2013) che una volta per tutte permette, a chi ha una formazione adeguata, di aprire e condurre il proprio centro in maniera serena.


Ricordate tuttavia che anche in assenza di una legislazione più precisa le uniche armi utili all’affermazione in ambito professionale sono la cultura che va acquisita e mantenuta sempre ardente.


Ecco cosa ci muove nel continuare a proporre con gioia e passione corsi di massaggio sempre aggiornati.

  Un po’ di chiarezza nelle attestazioni


Massaggiatore operatore olistico
Il vuoto legislativo, frutto di anni di inedia da parte del legislatore e di lotte tra differenti associazioni che rappresentano i vari interessi in campo, ha creato grande confusione e difficoltà di interpretazione da parte degli organi di controllo


la Legge 14.01.2013 n° 4, G.U. 26.01.2013

sancisce chiaramente la possibilità di esercitare la libera professione di operatore olistico o massaggiatore del benessere senza necessità di abilitazione. Va comunque chiarito come sia “obbligo” da parte di chi opera garantire al proprio cliente la massima professionalità 

La pubblicazione di questa Legge impedisce finalmente alle amministrazioni locali di creare ostacoli all’apertura e conduzione di centri di trattamento olistico e di massaggi benessere


A chi vi dice di rilasciare un attestato riconosciuto dite che...

Ogni attestato rilasciato da scuole pubbliche o private che non sia relativo a percorsi sanitari (fisioterapista) arti ausiliarie (MCB) ed estetiche (estetista) va inteso come di arricchimento della cultura personale e professionale


Da quando è nata, CORPOREA ENERGY ,ha sempre proposto i propri corsi con la massima chiarezza e senza giocare sull’equivoco.


Questo significa che ognuno può fare massaggi terapeutici?

No assolutamente! Questa è  attività esclusiva dei fisioterapisti, così come il massaggio estetico degli estetisti.


Quindi per lavorare come operatore del benessere o bioenergetico che cosa è necessario avere?

E’ sufficiente aprire una partita I.V.A. presso l’ufficio I.V.A. citando la legge 4 del 26. 01 2013


Che rischi si corrono dal punto di vista legale ad operare in questo modo?

Nessuno se si rispettano le regole: cioè niente massaggi terapeutici e niente massaggi estetici, solo trattamenti benessere.


Mi preme ricordare come il buonsenso ed il rispetto delle regole siano l’unica forma di auto-tutela di chi opera in questo settore.


Crediamo sia importante ricordare cosa dicono la costituzione,  il codice civile ed il CNEL:

Costituzione

ART. 4 - La Repubblica riconosce a tutti il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere , secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società.

ART. 35 - La repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni…

ART. 41 - L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale, o in modo di recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana…

Codice Civile

Libro Quinto, Del Lavoro, ART. 2060 - Il lavoro è tutelato in tutte le sue forme organizzative ed esecutive, intellettuali, tecniche e manuali.

E’ quindi assunto fondamentale della Costituzione e del Codice Civile la tutela del lavoro in TUTTE LE SUE FORME. Non è necessario un “riconoscimento” ufficiale perchè un lavoro, anche se non regolato da norme, possa entrare a far parte delle attività lavorative, a patto che esso non crei danno e che contribuisca al concorso delle spese pubbliche.

A proposito di ciò ecco cos a dice il CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro)

è assunto fondamentale della Costituzione e del Codice Civile la tutela del lavoro in tutte le sue forme, purché non crei danno e contribuisca al concorso delle spese pubbliche, e non è necessario un riconoscimento ufficiale perché un lavoro, anche se non regolato da norme, possa entrare a far parte delle attività lavorative".

https://twitter.com/corporeaenergy
http://www.youtube.com/user/corporeaenergy
https://plus.google.com/109861965849078684595